Quando l’uomo incontra il vino, il suo primo senso coinvolto è la vista. La sua degustazione inizia dall’osservare ciò che la luce, attraversandolo, ci racconta.
La sua trasparenza, il suo colore. Luce e colore, anima visiva del vino come di un’altra meraviglia creata dall’uomo ugualmente antica e presente: il vetro.

Nessuno come un mastro vetraio potrebbe, con la sua arte, interpretare nella materia solida intensità, tonalità, vivacità, e colore del liquido vino.
Tra loro, nessuno meglio di Venini poteva riuscirci, dedicando a Luce tutta la sua maestria. Fiori di Luce è il nome di questo trittico di vasi, edizioni speciali di un grande classico: “Calla” di Tyra Lundgren, presentato per la prima volta alla Biennale diVenezia del 1948.

Il primo dei Fiori di Luce è Vino, realizzato in tecnica Opalino.

Il secondo è Terra, di cui la foglia d’oro su base Opalino ricorda le increspature.

Infine Foglia, in tecnica Fenicio. Fiori di Luce è l’omaggio di un grande nome della tradizione artigianale italiana eccellente nel mondo a un marchio affine per passione, impegno, successo.

È un’opera animata dalla luce, esclusivamente per Luce.

Venini

Sono passati più di novant’anni dal giorno in cui l’avvocato milanese Paolo Venini e l’antiquario veneziano Giacomo Cappellin, fondano, nel1921, la Cappellin Venini & C.

Da quel giorno tanto è cambiato nella fornace di Murano, ma non l’identità stilistica che ancora oggi contraddistingue l’azienda: reinterpretazione degli schemi tradizionali, apertura verso le avanguardie artistiche, padronanza delle tecniche di lavorazione grazie all’apporto dei migliori maestri vetrai dell’isola. Quando i più importanti nomi del design internazionale esprimono la loro creatività attraverso la magia del vetro, amano farlo con Venini, marchio testimone dell’eccellenza italiana nel mondo.

VISITA IL SITO
2016

Luce and Music

LEGGI
2009

Soffio di Luce

LEGGI
2010

Forma di Luce

LEGGI
2011

Tralcio di Luce

LEGGI
2012

Geni di Luce

LEGGI
2013

Pausa di Luce

LEGGI